Carceri, shoa, mafia e violenza: i temi delle assemblee d’istituto

image_pdfimage_print
Punteggio articolo
[Voti: 0 Media voto: 0]

Il sole che filtra dalle finestre con raggi più caldi, le ultime interrogazioni, i saluti gioiosi che velano però un pizzico di nostalgia, l’ansia che cresce per i maturandi e le immancabili finali di istituto sono gli ingredienti fondamentali per concludere la ricetta di un intero anno di scuola. Giunti alla fine arriva il momento delle conclusioni, di assaggiare il prodotto del nostro lavoro. Da anni stiamo cercando di migliorare sempre di più la qualità delle nostre assemblee di istituto, cercando di dare loro un valore serio e riflessivo come lo avevano una volta. Quest’anno abbiamo affrontato il tema della incarcerazione coi suoi aspetti negativi quali il carcere minorile ma anche con le testimonianze di chi, aiutato dalle cooperative sociali, è riuscito a cambiare la sua vita. Abbiamo dato spazio a grandi temi come la vicenda della scuola Diaz, il caso Stamina, la non-violenza, la Shoah, il corpo delle donne e la mafia. Abbiamo cercato di valorizzare e promuovere il volontariato: da quello sportivo a quello sociale. Abbiamo dato spazio alla grande musica e a quella fatta in casa, suonata da noi e per noi fino alla sera e nel luogo più bello di Rovereto: la campana dei caduti. Abbiamo partecipato alla seconda edizione di One Billion Rising con il nostro striscione riempito di mani rosse. Abbiamo dato spazio ai tornei sportivi che come da tradizione concluderanno in modo gioioso anche quest’anno. Abbiamo fatto tanto ma sappiamo di non aver fatto abbastanza, sappiamo di poter fare di più. Perché chi ha lottato affinché noi potessimo avere questi spazi e questo tempo gestito da noi e per noi non vorrebbe altro che questo. Perché un gesso e una lavagna insegnano la teoria, ma la capacità di convivere, discutere e sorridere con le altre persone è una cosa che non si insegna ma si può solo vivere. Speriamo di aver dato tanto o quanto meno abbastanza e faremo di tutto perché la nostra ricetta abbia un sapore sempre migliore.

Marco Chizzola 5° scientifico

Condividi su... <br>Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: