I Campionati studenteschi provinciali di snowboard

image_pdfimage_print

Punteggio articolo
[Voti: 0 Media voto: 0]
Il giorno 19 febbraio 2016 io e la mia classe, accompagnati dalla professoressa Sguario, ci siamo recati presso “Fondo Grande” Folgaria, luogo dove si svolgevano i campionati studenteschi provinciali di snowboard. La nostra classe ha partecipato come aiuto staff nell’organizzazione della manifestazione. Questo ci ha permesso di vivere l’attività sportiva anche da un’ottica diversa: dal punto di vista organizzativo/logistico, piuttosto che prettamente sportivo/agonistico. Per fare questo abbiamo partecipato precedentemente ad un incontro formativo, durante il quale ci sono stati spiegati e presentati i vari compiti da svolgere. I lavori si dividevano principalmente in due: -lavoro in pista; -lavoro all’arrivo. In pista i compiti erano essenzialmente due. Uno consisteva nel “lisciare” il percorso in modo da renderlo uniforme per il passaggio di tutti gli atleti. L’altro nel controllare il corretto passaggio attraverso le porte da parte di ogni singolo sciatore. I compiti all’arrivo erano invece molti di più: aiuto speaker, distribuzione dei pettorali e degli abbonamenti giornalieri per le risalite (precedentemente all’inizio della competizione), aiuto all’ufficio gare. C’erano da stilare le classifiche e trascrivere i tempi ufficiali su un tabellone. Il mio compito consisteva nel controllare, nel settore di pista (che mi era stato assegnato), che tutti gli atleti passassero correttamente all’esterno delle porte. Dovevo controllarne 4. Nel caso in cui un passaggio fosse risultato scorretto (effettuato passando interno o attraverso la porta) avevo l’obbligo di squalificare l’atleta. Il mio compito era dunque di notevole importanza, direi decisivo. Perciò era necessario svolgerlo con la massima attenzione e onestà. Anche dalle mie decisioni dipendeva l’esito della gara!! Mi sono sentito onorato della fiducia che mi hanno accordato per portare a termine questo lavoro e ho cercato di svolgerlo nel migliore dei modi. Mi sono reso conto di quanto lavoro e impegno ci sia intorno ad un evento sportivo: quante persone dedichino il loro tempo e mettano a disposizione le loro capacità per la buona riuscita di una manifestazione. Sono solito partecipare alle competizioni, nel mio caso di sci nordico, dalla parte dell’atleta e quest’esperienza mi ha permesso di capire quanta fatica e dedizione ci sia anche da parte di coloro che organizzano e ci permettono di gareggiare. Come atleti, spesso, non ci rendiamo conto di tutto ciò e diamo quasi per scontato il naturale e corretto svolgimento delle gare. Quest’uscita è stata per questo motivo molto formativa e importante. La giornata si è poi conclusa con una sciata di gruppo che ha alleggerito la tensione dovuta alla concentrazione/attenzione durante le fasi di gara.

 

Edoardo Foradori

1 HR

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0