La conferenza di matematica

Punteggio articolo
[Voti: 0 Media voto: 0]
image_pdfimage_print

La conferenza che il Dipartimento di matematica e fisica ha proposto giovedì 30 nell’aula teatro del Liceo Rosmini è la prima di un ciclo di 4 conferenze in ambito matematico e fisico ed era rivolta agli studenti delle terze ad indirizzo scientifico (scientifico – scienze applicate e sportivo).

Possiamo dire che questa conferenza è una costante ormai delle nostre proposte didattiche, in quanto l’argomento trattato, “il ricco mondo delle progressioni geometriche” ossia alcune applicazioni teoriche e pratiche delle progressioni numeriche a crescita o decrescita geometrica, ha sempre ricevuto un buon livello di interesse e gradimento da parte dei ragazzi liceali (e speriamo che lo sia stato anche quest’anno per le attuali terze); il docente, prof. Delladio Silvano, molto preparato è particolarmente attento all’aspetto didattico e riesce a coinvolgere  molto i ragazzi nella spiegazione.

Ogni conferenza viene preparata accordandosi fra il docente universitario e il sottoscritto in merito agli argomenti da trattare durante la conferenza, questo per permettere un approccio continuativo e non discontinuo con le conoscenze finora acquisite a scuola dagli studenti. Quest’anno, in merito a questo, si è deciso con il prof. Delladio di affrontare assieme ad applicazioni già proposte agli studenti negli anni passati un aspetto nuovo relativo alla tematica proposta: l’insieme di Cantor; è sicuramente un argomento più difficile sul piano logico e formale ma ha alcuni risvolti molto intriganti sul piano concettuale. Inoltre il docente ha mostrato a fine del suo intervento una piccola applicazione sul piano della matematica finanziaria.

Ogni applicazione serve per mostrare che un oggetto matematico si trova non solo all’interno di sé stesso ma può avere infinte applicazioni pratiche e/o teoriche nella realtà quotidiana e, come detto molte volte, è utile per stimolare nei ragazzi (o nella maggior parte di essi) una curiosità e un interesse meno “scolastico”.

Capo dipartimento prof. Fabio Ferrari

Condividi su... <br>Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: