1

La colletta alimentare per l’Ucraina

Giovedì 17 e venerdì 18 marzo si è tenuta una colletta alimentare e farmaceutica al Liceo Antonio Rosmini a favore dei bisognosi in Ucraina: dai soldati al riparo nei bunker, ai cittadini comuni che sono bloccati al confine, ai fortunati che sono riusciti a fuggire e a giungere in Italia. 

Vorrei quindi ringraziare chi ha partecipato offrendo qualcosa. In queste occasioni, credo, ci si rende conto che a noi non costa praticamente nulla ma alla persona che riceverà la donazione può cambiare la giornata, se non la vita, perché ognuno nel suo piccolo può far qualcosa per aiutare il prossimo.

L’idea dell’iniziativa è nata durante un’assemblea di classe dei ragazzi della classe 2B dell’indirizzo scientifico tradizionale, in particolare dai rappresentanti Federico Peterlongo e Chiara Leoni; questi, dopo averne discusso con i compagni, hanno suggerito l’idea ai professori per poi arrivare a parlarne al preside che ha pienamente appoggiato il progetto. Questo vuole dimostrare la grandissima intraprendenza, nonostante la relativamente giovane età, dei ragazzi che hanno compreso l’importanza di agire in prima persona di fronte alla situazione che nelle ultime settimane ci si è posta davanti.

Per realizzare l’ambiziosa iniziativa i ragazzi si sono appoggiati all’associazione “La foresta”, con sede a Rovereto e che da ben 10 anni collabora con l’Ucraina inviando viveri alle persone in difficoltà proprio tramite collette come quella realizzata al Liceo Rosmini. Grazie al progetto sono state riempite più di 100 scatole di medie e grandi dimensioni, contenenti cibo e oggetti sanitari di prima necessità. Questo traguardo attesta senza dubbio la generosità degli studenti e la loro comprensione di fronte a questa tematica oggi di estrema rilevanza.

Alessandro Chini




Service learning presso Mas del Gnac

Il 5 e il 12 marzo le classi 2^BSA e 2^DSA hanno vissuto un’esperienza di service learning presso Mas del Gnac, a Isera.

L’uscita si è svolta nell’ambito del progetto “Comincio da me”, proposto dalla prof.ssa De Luca per il percorso di ed.civica e alla cittadinanza. Durante le due giornate gli studenti hanno potuto sperimentare attività lavorative di assemblaggio di materiale elettrico e confezionamento di prodotti alimentari bio. Hanno coordinato i lavori gli operatori di Gruppo 78, una cooperativa sociale del nostro territorio, che da anni si prende cura di persone che affrontano “momenti difficili” nella loro vita.

Tutti si sono mostrati entusiasti dell’uscita, che ha permesso ai ragazzi di conoscere, “sporcandosi le mani” e mettendosi in gioco, un mondo diverso da quello che vivono tutti i giorni, sui banchi di scuola. Mas del Gnac è uno spazio inclusivo, che unisce l’etica sociale all’alta qualità, dove la filosofia bio si fonde indissolubilmente con la valorizzazione, attraverso il lavoro, di persone fragili.

Considerata l’ottima riuscita di questa prima esperienza, tutto fa pensare che l’ “amicizia” tra il liceo Rosmini e Gruppo 78 non possa che consolidarsi in un prossimo futuro!

Anna Schiavo e Erica Chiasera (II BSA)




Botteghe scoperte

Botteghe scoperte, è l’ iniziativa del Consorzio Rovereto IN Centro, che porta alla scoperta delle  botteghe storiche di Rovereto.

Vi hanno partecipato i ragazzi del Liceo.

Si tratta di una visita guidata teatrale alle Botteghe Storiche di Rovereto. Si cammina nel centro storico e davanti alle botteghe aderenti i bottegai e gli attori della Compagnia Evoè! Teatro mettono in scena un piccolo spettacolo che racconta in chiave comica la storia del colorificio Caresia, le ricette della farmacia Soave, i sapori dell’alimentare Finarolli, la nascita del bar Loco’s, le meraviglie della cappelleria Bacca, la tradizione della farmacia de Cobelli ed infine i segreti della torrefazione Bontadi.

Con questo progetto il Consorzio ha voluto unire la storia del commercio, la cultura ed il teatro dandogli così un forte valore significativo anche al di fuori di un teatro o palazzo.




Seeing with new senses

SENSES è l’acronimo di “Seeing with new senses: La valutazione di un intervento esperienziale per contrastare gli stereotipi sulla disabilità visiva nelle scuole”.
È un progetto di Cooperativa sociale AbC IRIFOR, realizzato in partnership con Fondazione Bruno Kessler con il contributo della Fondazione Caritro, ed ha l’obiettivo di sviluppare e testare un intervento informativo e di sensibilizzazione sul tema della disabilità visiva.

300 studenti trentini di tre istituti superiori trentini, il nostro liceo, l’ITT Buonarroti di Trento, IIS Don Milani di Rovereto e Liceo Rosmini di Rovereto parteciperanno a una presentazione frontale in classe sul tema della disabilità visiva, delle differenze tra ciechi e ipovedenti, degli ausili e degli strumenti a disposizione, ecc. e potranno fare una merenda al buio a bordo di Dark on the Road, il camion di AbC IRIFOR allestito a bar, che per l’occasione arriverà a scuola. A bordo del camion i ragazzi potranno, grazie alla guida di camerieri ciechi e ipovedenti, di conoscere la disabilità visiva con i suoi limiti ma anche le sue risorse e per riscoprire il potere degli altri sensi.
Grazie alla somministrazione di questionari – somministrati in tempi differenti ai ragazzi che parteciperanno – verrà testata l’efficacia della formazione.

Oggi il “bar al buio” era nel giardino del liceo. Il progetto durerà fino a fin mese.




La marcia dei bruchi urla NO alla guerra

La marcia dei bruchi – iniziativa ideata dall’attivista per i diritti umani e marciatore per la pace John Mpaliza – ha lo scopo di sensibilizzare gli alunni delle scuole ai temi dei diritti umani, della pace, della transizione ecologica e della cittadinanza attiva. Vuole incoraggiare la riflessione fuori e dentro la classe, dare la parola e sostenere le iniziative dei giovani a sostegno di tali temi.In questo momento particolare l’attenzione si è focalizzata sulla pace in Ucraina, invocata a più riprese durante il tragitto e da tutte le scuole partecipanti.

Il Liceo Rosmini ha partecipato con una adesione massiccia: quasi 450 tra alunni e docenti accompagnatori. Il percorso della “Marcia dei bruchi” si è sviluppato, prima dentro la classe con approfondimenti e allestimento di cartelloni e striscioni e successivamente con la partecipazione all’evento di ieri. Lo svolgimento della manifestazione è stato un momento intenso di partecipazione emotiva.

La conclusione nei giardini del Brione ha visto l’intervento del promotore della marcia, John Mpaliza, della Assessora alla cultura di Rovereto, e soprattutto di numerosi studenti che hanno preso la parola per gridare con riflessioni, poesie, testimonianze, il NO ALLA GUERRA e invocare LA PACE per tutta la terra.

Qui le foto della manifestazione https://www.facebook.com/liceo.rosmini/posts/5134329859920700




Insieme per aiutare l’Ucraina




Un mare di scienza

“Un mare di scienza” è un ciclo di aventi organizzato da alcuni docenti del Liceo con il sostegno di Fondazione Caritro.
Si tratta di 20 eventi, che si svolgeranno nel periodo 18 marzo – 2 dicembre 2022 e che offriranno a studenti e docenti l’occasione di riflettere – attraverso conferenze, laboratori e incontri – sul tema della SCIENZA secondo molteplici prospettive.
Gli eventi avranno luogo a scuola, in presenza, in orario pomeridiano; la partecipazione è libera per docenti e studenti, come singoli o come classe. Tramite il qr-code presente sulla locandina o il link https://unmarediscienza.glideapp.io/ è possibile installare su dispositivi mobili l’app che consente di consultare il programma dei singoli eventi e di compilare per ciascuno il modulo di prenotazione.




Voci del verbo scegliere

È stata un successo la prima edizione del progetto “Voci del verbo scegliere” – percorso di orientamento universitario – che si è svolta venerdì a Rovereto, nella sede di Trentino Sviluppo.

120 studenti di Rovereto che a giugno faranno la maturità hanno potuto incontrare e discutere a piccoli gruppi con 12 professionisti di vari settori: Elia Bombardelli, docente di scuola media superiore e youtuber, l’infermiere Giovanni Iob, l’avvocato e docente universitario Massimo Mazzola,  l’imprenditore sociale Michele Pedrotti, la giornalista Elisa Dossi, il chirurgo Paolo Moscatelli, l’ingegnere e operatore drone Alessio Bonfante, l’amministratore delegato e direttore di ITAS Alessandro Molinari, il consulente e professare Andrea Bolner, il bancario Paolo Segnana e la cooperatrice Irene Buttà. 

Il pomeriggio è riuscito secondo le aspettative, con una buona partecipazione e un’ottima organizzazione dei tempi e degli spazi. I professionisti hanno dialogato con gli studenti portando le loro esperienze universitarie e lavorative e rispondendo alle loro numerose domande.

Alla fine i ragazzi hanno espresso un giudizio molto positivo dell’esperienza, è stata apprezzata soprattutto la modalità proposta, la suddivisione in piccoli gruppi che ha permesso un confronto personale ed efficace con i professionisti.

Anche la collaborazione fra Istituti, esperienza  nuova per la città di Rovereto, ha dimostrato i suoi punti di forza nel creare una rete di rapporti e uno scambio attivo di competenze e di talenti diversi. L’evento – organizzato con il patrocinio del Comune di Rovereto, della Diocesi di Trento e in collaborazione con Trentino Sviluppo s.p.a.-, infatti, ha visto partecipare al tavolo di regia, 15 studenti di 6 Istituti Superiori di Rovereto: il Liceo Antonio Rosmini, Liceo Fabio Filzi, gli Istituti Marconi e Don Milani e LIA Arcivescovile.

Info sul sito – costruito dai ragazzi – https://sites.google.com/liceorosmini.eu/vocidelverboscegliere/home?authuser=0




Voci del verbo scegliere

Un pomeriggio con i professionisti per orientarsi nel futuro

Venerdì 4 marzo 2022 dalle 16,30 alle 19 nella sede di Trentino Sviluppo a Rovereto, avrà luogo la prima edizione del progetto “Voci del verbo scegliere” percorso di orientamento universitario, destinato a 120 studenti maturandi della città di Rovereto.

Hanno partecipato al tavolo di regia, per la costruzione di questa iniziativa, 15 studenti di 6 Istituti Superiori di Rovereto: il Liceo Antonio Rosmini, Liceo Fabio Filzi, gli Istituti Marconi e Don Milani e LIA Arcivescovile.

I ragazzi gestiranno questo pomeriggio di orientamento per i loro coetanei che potranno incontrare 12 testimoni di diverse aree professionali.

Elia Bombardelli, docente di scuola media superiore e youtuber, l’infermiere Giovanni Iob, l’avvocato e docente universitario Massimo Mazzola,  l’imprenditore sociale Michele Pedrotti, la giornalista Elisa Dossi, il chirurgo Paolo Moscatelli, l’ingegnere e operatore drone Alessio Bonfante, l’amministratore delegato e direttore di ITAS Alessandro Molinari, il consulente e professare Andrea Bolner, il bancario Paolo Segnana e la cooperatrice Irene Buttà incontreranno gruppi di max 10 studenti e un facilitatore. Il focus sarà non tanto cosa scegliere ma come fare una scelta tanto importante come quella che caratterizza il percorso di ogni ragazzo alla fine delle scuole superiori. 

L’evento è organizzato con il patrocinio del Comune di Rovereto, della Diocesi di Trento e in collaborazione con Trentino Sviluppo s.p.a.

Info sul sito costruito dai ragazzi